La memoria corre sul fiume

Giardino Fenologico

Il Comune di Civitella in Val di Chiana ha realizzato nel resede della scuola media di Badia al Pino un interessante Giardino fenologico. Si tratta di un laboratorio scientifico a cielo aperto, condotto con la supervisione scientifica dell’Università di Perugia, dove vengono osservati e registrati nel corso dell’intero anno i fenomeni caratteristici della fase di sviluppo delle piante (formazione delle gemme, fioritura, caduta delle foglie, ecc.).

Questi dati vengono poi interpretati con riferimento alle condizioni climatiche locali e per confronto tra fasi di sviluppo rilevate su piante della stessa specie ubicate negli altri giardini fenologici italiani.

La Scuola e il Comune invitano le scolaresche a visitare questo laboratorio scientifico all’aperto, per conoscere metodologie di monitoraggio molto interessanti. Il giardino rappresenta un’opportunità per favorire un processo di insegnamento-apprendimento in maniera trasversale, oltrepassando i confini dell’organizzazione del sapere in “materie” come occasione per fare scuola e avvicinare i ragazzi alla conoscenza in maniera più “naturale”, meno scolasticamente incasellata e quindi, specialmente per alcuni, un’occasione per ritrovare stimoli e interessi che talvolta sui banchi nascono con più difficoltà.

Il percorso didattico vuole avvicinare gli alunni al metodo scientifico attraverso una serie di tappe guidate da insegnanti ed esperti: osservazione di fenomeni naturali,  rilevazione di dati, elaborazione dei dati, creazione di tabelle e grafici, restituzione dei dati mediante, produzione di cartelloni e file informatici.

L’attività ha la durata di 2-3 ore e si può svolgere nell’arco della mattinata e comprende:

  • Visita del giardino, con l’osservazione delle principali caratteristiche della struttura del giardino, del tipo di piante, delle loro caratteristiche con la collaborazione di un’insegnante deputato e/o alunni “tutor”;
  • Lezione dialogata sul giardino fenologico (significato, storia, collocazione di giardini fenologici in Italia e all’estero) con l’utilizzo di materiale informatico;
  • Rilevamento dati mediante apposita scheda. Gli alunni compiono un rilevamento sulle piante riguardante la fase vegetativa e riproduttiva delle stesse;
  • Elaborazione dei dati raccolti attraverso la costruzione di tabelle e grafici.

Queste attività possono essere ripetute anche più volte nell’arco dell’anno, per mettere in evidenza le variazioni avvenute nelle piante e confrontate con rilevamenti passati al fine di avvicinare i ragazzi al significato del metodo di monitoraggio ambientale attraverso organismi viventi, il biomonitoraggio.

 

Lascia un Commento